Tre modi per scegliere la proposta di yoga migliore per te

Ecco la storia diversa ma simile di chi è alla ricerca di un metodo che gli sia affine.

Una proposta di yoga che sia completa dovrebbe includere gli aspetti della pratica che lavorano sia su movimenti guidati dal respiro e posizioni, che sul respiro, che sulla meditazione. Così come non si dovrebbe chiamare albero una foglia o la corteccia, ma l’insieme di tutti i suoi elementi è un peccato prendere solo una parte dell’albero dello yoga e chiamarlo yoga.

Eppure questo succede molto di frequente ed è un peccato, perché questo limita la ricchezza e bellezza di questa disciplina e i benefici che se ne possono ricevere.  Ma ci sta che persone diverse abbiano interesse a svilupparne solo un aspetto, basta che sia chiaro che si tratta di una parte e non dell’insieme.

Succede quindi che di tanto in tanto mi viene raccontata una storia, diversa ma simile  di chi trova una proposta molto spirituale e la sente troppo noiosa perché statica e meditativa, o chi trova una proposta molto fisica in cui gli altri aspetti sono completamente tralasciati e questo gli va bene finché  raggiunge dei risultati fisici soddisfacenti, ma poi si accorge che il lavoro sul corpo soltanto non gli basta, e ha bisogno di altro per ottenere quella stabilità e pace interiore di cui sente il bisogno.

Sicuramente avvicinarsi ad un insegnante o ad una scuola che porti avanti tutti gli aspetti dello yoga, così da poter esplorare ed usufruire di  tutta la sua ricchezza è la cosa migliore; ma anche in questi casi, può essere che la pratica proposta è più predominante in un aspetto piuttosto che in un altro, e alla fine potresti rimanere con la sensazione che ti è mancato qualcosa.

Ci sono tre punti fondamentali che è necessario considerare per scegliere la proposta di yoga migliore per te:

  1. devi avere chiaro quale è il motivo per cui ti avvicini allo yoga, cosa ti aspetti e cosa vuoi ottenere da questa pratica
  2. verificare se la proposta dell’insegnante è calzante ai tuoi obbiettivi (non dare per scontato che lo sia)
  3. quando hai sperimentato e appreso più tecniche di yoga, da uno o più insegnanti, falle tue e crea la TUA pratica in base alle tue necessità e scopi, sarà quella perfetta per te.

Per fare questo alcune sessioni individuali potrebbero esserti utili per correggere e padroneggiare alcune pratiche.  Anche le lezioni di gruppo, oltre che a fare una rigenerante esperienza, sono una buona occasione per imparare le tecniche che saranno tue per sempre e che dedicandoci anche pochi minuti al giorno con costanza porteranno significative trasformazioni nella tua vita.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi amici e colleghi!

[box type=”shadow”]

foto-shanty-bioShanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR e certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. Iscritta alla YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.
Leggi la mia biografia

[/box]

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *