ESERCIZI YOGA PER SCIOGLIERE LE ANCHE

Per eseguire in modo adeguato e sicuro molte posizioni yoga, è necessario che le anche siano flessibili.

Sciogliere le anche?

Questa sequenza di esercizi yoga ti permette di sciogliere le articolazioni delle anche; cosa necessaria per fare bene e in sicurezza molte posizioni yoga.

Infatti molte delle posizioni in piedi, le posizioni con il busto reclinato in avanti e le posizioni sedute; richiedono una flessibilità nelle anche superiore alla media.

Sfortunatamente, la maggior parte degli occidentali che si avvicinano allo yoga hanno queste articolazioni molto rigide e non sono pronte ad affrontare certe posizioni yoga.

Se è il tuo caso e nonostante questo insisti, il corpo dovrà compensare sovraccaricando sulle articolazione delle ginocchia, le articolazioni sacroiliache e il rischio di infortuni alle ginocchia e ai dolori lombari aumenta.

La rigidità di queste articolazioni è in buona parte dovuto ad uno stile di vita sedentario. Quando siamo seduti abbiamo le anche flesse a circa 90° e quando stiamo in piedi a 180°; e per molte persone la varietà di movimento delle anche è limitata a questo per tutta la vita.

Ma la potenzialità è molto più alta, infatti le anche possono eseguire movimenti di flessione, estensione, rotazione interna ed esterna, abduzione e adduzione (allontanamento dall’asse centrale del corpo e avvicinamento all’asse centrale del corpo).

In questo video ti mostro alcuni esercizi preparatori per renderle maggiormente flessibili.

Ti incoraggio a praticarla almeno 2 volte a settimana se vuoi sperimentare dei progressi sensibili.

L’allungamento muscolare più efficace

I più recenti studi dicono che mantenere l’allungamento muscolare a lungo è il modo più efficacie di conquistare flessibilità. L’allungamento tuttavia deve essere costante e dolce, partire da un minuto e gradualmente aumentare anche fino ad arrivare a 10 minuti.

Scegli tra questi, gli esercizi che senti che lavorano prevalentemente sulle tue aree di miglioramento (cioè quelli che senti più impegnativi) e dedicatici per alcune settimane.

Sperimenterai così notevoli progressi nell’esecuzione delle posizioni di yoga.

Ricorda che il dolore è un segnale del corpo che ti dice che stai forzando troppo!

Un allungamento efficacie, realmente benefico e di qualità, deve essere progressivo e piacevole. Questo ti permette di rilassarti nella forma e di lasciare andare le tensioni e le rigidità in eccesso.

Delle volte può essere necessario usare dei sostegni, fallo in modo tale che non ti portino tensione o dolore.

Il corpo deve sapere che può lasciarsi andare in sicurezza perché non stai forzando, e in modo naturale, respiro dopo respiro, le tensioni scivoleranno via.

Il respiro è lo strumento più potente e al contempo dolce di insegnare al tuo corpo lasciarsi andare all’ allungamento.

E’ vero che come incoraggiano tutti gli insegnanti di yoga, la costanza è fondamentale. Ma altrettanto importante è procedere in modo progressivo ed adeguato.

Insistere in modo inappropriato crea scompensi e ti predispone agli infortuni; per questo la pratica di yoga deve seguire i principi dello Yoga su Misura. Scoprili qui: http://www.passioneyoga.it/yoga/

Nello yoga e anche nella vita, spesso è proprio ciò che facciamo nel tentativo di risolvere un problema è ciò che peggiora la situazione. Quindi fai attenzione.

Ascolta e rispetta i tuo corpo, lasciati cullare dal ritmo del respiro e goditi questa meravigliosa pratica che scioglie le anche e quieta la mente.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR, insegnante certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. E’ iscritta all’Associazione YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.
Leggi la mia biografia

48 commenti
  1. Giulia
    Giulia dice:

    Desidero sapare se posso praticare lo joga avendo subito intervento di artoprotesi su ambo gli arti inferiori.

    Grazie e distinti saluti

    Rispondi
    • Giulia
      Giulia dice:

      Ineressante e ritengo vasllidissimo aiuo per anziani come me, però sono dubbiosa di poter
      affrontare ciò in quanto portatrice di protesi d’anca ds e sn.,Cosa mi suggerisce in merito?

      Rispondi
      • Shanti
        Shanti dice:

        Ti ho già risposto prima, comunque ecco di nuovo: non ti conosco e non me la sento di darti un indicazione a riguardo. Per tanti anni una signora di 75 anni con le protesi ad entrambe le anche ha frequentato i miei corsi settimanali e riusciva a fare praticamente tutto; ma praticava yoga da oltre 20 anni…ogni caso è diverso, ti suggerisco di farti consigliare da un fisioterapista di fiducia e dal tuo medico.

        Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      Ciao Giulia, non ti conosco e non me la sento di darti un indicazione a riguardo. Per tanti anni una signora di 75 anni con le protesi ad entrambe le anche ha frequentato i miei corsi settimanali e riusciva a fare praticamente tutto; ma praticava yoga da oltre 20 anni…ogni caso è diverso, ti suggerisco di farti consigliare da un fisioterapista di fiducia e dal tuo medico.

      Rispondi
  2. Stefano Tassinari
    Stefano Tassinari dice:

    Grazie,bellissimo filmato,in questo periodo sto lavorando molto con asana prolungate,consapevolezza del corpo tramite il respiro e visualizzazioni (stile yin yoga)
    E trovo che sia di grande aiuto per tutti,principianti e non.
    Namaste
    Stefano

    Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      Sì, un bellissimo approccio alla pratica, molto efficacie per rilasciare in profondità le tensioni…Grazie per la tua condivisione.
      Namastè 🙂

      Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      E’davvero un piacere condividere Ines! Ed è condividendo che si cresce e si mantiene vivo l’entusiasmo per la pratica, grazie quindi del tuo commento! 🙂

      Rispondi
  3. Mariagrazia
    Mariagrazia dice:

    Vorrei tanto essere più costante ma non riesco, prima per molti anni facevo fisioterapia e molto stretching ora non riesco ad avere quella costanza. Ci siamo già sentite e ti avevo detto che non riuscivo a fare alcune pratiche che coinvolgono la lombare soffro di endometriosi severe al IVA e forse aderisce sul nervo sciatica e spesso 15 giorni al mese mi impedisce di fare esercizi. Inoltre non riesco più a fare le punte con i piedi, ho il piede cavo e porto i plantari non riesco a sedermi sui talloni perché mi vengono i crampi. Dovrei esercitarli aiutandovi con le mani. Ma tutto richiede più impegno e pazienza. Tu sei bravissima infondi molta calma e sei capace di trasmettere l’amore che tu hai per lo yoga a noi altri.
    Ti ammiro molto.
    Ciao :-*

    Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      Cara Mariagrazia, sì mi ricordo di te…mi dispiace la situazione è un pò delicate e qui per iscritto è un pò difficile poterti aiutare in modo consistente. Da alcuni mesi stò seguendo una donna che era rimasta a letto per 3 mesi per un problema molto simile al tuo. Dopo alcune sessioni di agopuntura e yoga ora è letteralmente rinata. Quindi non ti scoraggiare e sì, merita che ci dedichi tutto l’impegno e la pazienza necessarie, il tuo corpo stà chiaramente richiamando la tua attenzione…
      Un abbraccio!:-)

      Rispondi
      • mariagrazia
        mariagrazia dice:

        Ciao Shanti volevo chiederti se si possono praticare questi esercizi anche quando si hanno un po dolori…..o di fastidi ancor prima di eseguirli. Grazie.
        Ciao

        Rispondi
        • Michela
          Michela dice:

          Ciao Mariagrazia! Se sono dolori e fastidi dovuti ad una patologia rivolgiti a un medico e fatti suggerire; se sono dovuti a rigidità soltanto puoi tranquillamente farli e nel tuo caso è ancora più importate che leggi tutto l’articolo per capire come eseguirli correttamente. Un caro saluto a presto! 🙂

          Rispondi
  4. Pina
    Pina dice:

    Grazie mille questi esercizi sono utilissimi nel mio caso sono molto rigida con le articolazioni delle anche grazie ancora li metterò in pratica da subito

    Rispondi
  5. Rosita
    Rosita dice:

    Utilissimi grazie per l’attenzione rivolta a prevenire spiacevoli danni che senza pensarci uno potrebbe farsi
    namaste

    Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      Già…in effetti senza un metodo adeguato si rischia, con le migliori intenzioni, di ottenere i peggiori risultati…
      Buona pratica, namastè! 🙂

      Rispondi
    • Shanti
      Shanti dice:

      Ciao Emanuela, grazie per avermelo fatto sapere … cerco sempre di pubblicare dei contenuti che siamo utili ed averne conferma mi fa sempre piacere! 🙂
      Namastè

      Rispondi
  6. Silvia capirossi
    Silvia capirossi dice:

    Sei sempre chiara e precisa. Un piacere seguire le tue sequenze e lasciarmi guidare con fiducia. Grazie

    Rispondi
  7. Ilary
    Ilary dice:

    Ciao, ho alcuni dubbi: nell’esercizio 2 (bacino contro la parete e gambe divaricate) le gambe si appoggiano alla parete? Nell’esercizio 3 (piedi uniti e ginocchia divaricate) il bacino è contro la parete? Anche nell’ esercizio 6 (gambe incrociate e mano che tiene la punta del piede) va tenuta sotto la zona lombare una copertina piegata? Grazie !

    Rispondi
  8. Patrizia
    Patrizia dice:

    ciao Shanti posso fare questi esercizi pur avendo una coxartrosi alle anche di grado medio
    ed essendo ogni tanto un po dolorante? grazie sempre

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Ciao Patrizia, non solo credo che puoi fare questi esercizi, ma penso che ne puoi trarre anche dei miglioramenti!! Pratica senza forzarti, nel rispetto dei tuoi tempi e fammi sapere! 🙂
      Shanti

      Rispondi
  9. Eliana
    Eliana dice:

    Buongiorno Shanti,
    questa mattina ho eseguito questi esercizi dopo la meditazione e il saluto al sole.
    Non sono un granché soddisfatta: non ho trovato una parete comoda, non ho i due sostegni, e l’asciugamano non è un valido aiuto come la tua cintura.
    Ma ci riproverò! Le mie anche ne hanno un gran bisogno!
    Grazie
    Eliana

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Buongiorno Eliana! 🙂 Procurati dei blocchetti … al decatlon li vendono, anche on line si trovano, in effetti per questo tipo di esercizi sono importanti. E invece di un asciugamano prova con una cintura o una sciarpa … Una volta che hai queste cose, vedrai che andrà molto meglio, sono esercizi molto efficaci! Ti auguro una meravigliosa giornata a presto!! 🙂

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *