LE INTERVISTE DEGLI INSEGNANTI DI YOGA SU MISURA: CHIARA

Scopriamo chi sono e perche’ hanno scelto Yoga su Misura

SHANTI: Ci racconti brevemente la tua esperienza con lo yoga?

CHIARA: Mi sono avvicinata allo yoga intorno ai 20 anni, già da tempo mi interessavo di filosofie orientali e meditazione. L’oriente e l’India in particolare mi hanno sempre affascinato, così avvicinarmi allo yoga è stato un passaggio naturale. Ho continuato a coltivare questo interesse per qualche anno ma mi dedicavo anche di altre discipline, per cui il tempo riservato allo yoga era limitato. Fino a quando sette anni fa iniziai a praticare yoga con continuità. Sentivo che praticare mi piaceva, mi faceva stare bene e quindi volli approfondire. Iniziai a frequentare un corso di specializzazione yoga con possibilità poi di prepararsi all’insegnamento. L’idea di trasmettere agli altri ciò che vivevo mi piaceva anche se inizialmente la vedevo solo come una possibilità. Circa un anno e mezzo fa tuttavia mi capitò l’opportunità di insegnare presso un’associazione, e così si è aperto un nuovo sentiero sul cammino dello yoga. Ma il percorso di formazione e di preparazione è continuo: attualmente sto frequentando un altro corso di formazione insegnanti e periodicamente partecipo a specializzazioni e seminari, tra cui il corso di specializzazione in Yoga su Misura. A tutto ciò affianco la mia pratica personale.

SHANTI In quali momenti della tua vita lo yoga è stato determinante?

CHIARA Riguardo a questo aspetto, vorrei raccontare un’esperienza che ho avuto. C’è stato un periodo durante la mia formazione, nei primi anni di studio, in cui la pratica dello yoga sembrava portarmi all’isolamento, alla chiusura. Stavo attraversando un periodo difficile a livello personale e sentivo che la pratica mi faceva stare bene, ma allo stesso tempo mi portava ad isolarmi. Dire ciò può sembrare controproducente nei confronti dello yoga, ma se lo dico, è perché lo ritengo importante nel mio percorso. E perché dopo qualche tempo, riuscii a superare quella condizione anche grazie alla pratica.

SHANTI Qual è la cosa più bella che ti è accaduta come insegnante?

CHIARA Non insegno da molto ma una cosa che trovo molto bella è vedere le persone che a fine lezione sono rilassate, anzi, distese. A volte cambia proprio l’espressione del viso. Lo yoga trasforma.

SHANTI Qual è la pratica yoga che ti piace di più?

CHIARA Saluto al Sole, è una sequenza completa, che si può praticare anche se non si ha molto tempo a disposizione e che con qualche accorgimento può essere praticata da molti. Nel lavoro con il respiro invece, apprezzo molto la respirazione a narici alternate. Nel caso ci si trovi un po’ sottotono, questo esercizio può riattivare. Se invece si è agitati, l’esercizio è calmante. E’ una pratica veramente equilibrante.

SHANTI Quale pratica del blog di Passione Yoga suggeriresti e perché?

CHIARA Le pratiche sono moltissime e tutte interessanti, vorrei suggerirne due in particolare: yoga per gli occhi e 9 minuti di esercizi yoga per una migliore postura. Molte persone passano gran parte del tempo sedute, di fronte ad uno schermo. Pratiche di questo tipo possono portare grandi benefici nell’alleviare i disturbi derivanti da posizioni scorrette, dall’essere sempre seduti e dalla stanchezza provocata dal guardare per ore uno schermo. Sono situazioni che conosco bene in quanto ho lavorato diversi anni in ufficio. Per fortuna in quel periodo ho sempre praticato yoga, per cui ho potuto sperimentare di persona gli effetti positivi della pratica!

SHANTI In che cosa lo Yoga su Misura ha arricchito la tua pratica personale e la tua proposta come insegnante?

CHIARA In generale ho più conoscenze, utili in entrambe le situazioni. Nel caso della mia pratica personale, una pratica che segue il ritmo delle stagioni e il periodo dell’anno che sto vivendo. Nell’insegnamento, ho ora a disposizione un metodo che posso utilizzare durante le lezioni. Un metodo che mi permette di offrire agli allievi una pratica più personalizzata, sicura e che segua i principi dello yoga tradizionale.

SHANTI Qual è la frase che ti rappresenta di più?

CHIARA Una frase che mi piace molto è quella di Krishnamacharya che dice “Non è la persona che deve adattarsi allo yoga, ma è lo yoga che deve adattarsi alla persona”.

SHANTI Qual è il tuo sogno?

CHIARA Sembrerà banale, ma mi piacerebbe aprire un centro yoga! Un centro vivo, in cui le persone possano praticare in diversi orari. E se così fosse, è perché lo yoga si è diffuso molto!

SHANTI Che cosa senti di poter offrire di speciale alle persone che si rivolgono a te?

CHIARA Come accennavo prima, ho avuto modo di approfondire la pratica dello yoga in caso di cattiva postura, vita sedentaria, mal di testa e tensioni varie. Sono in grado quindi di fornire suggerimenti che possano aiutare ad alleviare e risolvere tali disturbi.

SHANTI Qual è il segreto che vorresti svelare agli amici di Passione Yoga?

CHIARA Lo yoga è veramente una disciplina molto valida e può portare ad un buon benessere fisico e psicologico. Alcuni benefici si possono vedere già dopo una lezione, ma con la costanza nella pratica si avranno dei buoni risultati. La cosa importante è non avere fretta, continuare a praticare con continuità e i risultati arriveranno. Non è il caso di essere però troppo severi, rigidi con sé stessi: praticate sempre con gioia e con il sorriso, lo yoga è anche divertimento!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR, insegnante certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. E’ iscritta all’Associazione YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.
Leggi la mia biografia

18 commenti
  1. Isabel
    Isabel dice:

    Ciao Shanti e benvenuta Chiara. sentendo il vostro satsanga mi sono sentita rispecchiata più volte…. è incredibile come tutto sia connesso!!!
    Una delle cose su cui mi sento di riflettere e riguardo proprio alla domanda che Shanti ha fatto a Chiara riguardo “Qual è il tuo sogno?” penso che non sia per niente banale la risposta di Chiara in quanto lei ci da uno strumento in più e cioè il fatto di pensare a “in cui le persone possano praticare in diversi orari” penso che Chiara abbia proprio guardato nello specifico in quanto ho tante amiche e persone che conoscono che vorrebbero iscriversi in un corso ma gli orari cosìddetti fissi sono proprio un problema e poi magari se non si arriva ad un numero di persone il gruppo non parte …… quindi diciamo che ancora una volta il progetto di Shanti è illuminante penso che Yoga su misura sia un bellissimo progetto che formerà sempre di più una grande famiglia aperta e disponibile perchè no 24 ore su 24 ed in questo siamo direttamente collegata alla frase del grande Maestro Krishnamacharya che dice “Non è la persona che deve adattarsi allo yoga, ma è lo yoga che deve adattarsi alla persona” Brava Chiara per riproporci qs bellissimo insegnamento.

    Volevo collegarmi e condividere con voi una delle tante “definizioni” di yoga che ho visto nel mio percorso come un aiuto fondamentale anche in tante persone che conosco che prima si faccevano problemi creandosi aspettative a modo di “schemi” rigorosi con presenza di ansia ecc. di seguito qs riflessione:
    ” Yoga inizia quando perdiamo il desiderio della posizione ( asana )” …… appunto nel mio percorso ho trovato tante persone che erano tese mentre effettuavano un asana perchè avevano il desiderio di effettuarla in maniera perfetta e questo dava più agitazione alla loro mente e per conseguenza rigidità nel loro corpo quando invece hanno capito che nel lasciarsi andare dolcemente alla posizione si perdeva quell’attaccamento quel desiderio il traguardo era decisamente diverso sentendo la mente calma ed il corpo che si scioglieva sempre di più….
    Namastè

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Cara Isabel della tua condivisione!
      Sì è magnifico vedere come persone che hanno un’energia simile si incontrano e si riconoscono anche da lontano. E se ad un sentire affine si uniscono anche progetti e azioni concrete quello che ne esce è qualcosa di grandioso, che non smette di stupirmi e riempirmi di gratitudine!
      Bellissimo:” Yoga inizia quando perdiamo il desiderio della posizione ( asana )” sono d’accordo, ed è valida in modo analogo a tante cose della nostra vita: se agiamo lasciando andare la tensione dell’attaccamento al risultato, tutto trova la sua realizzazione in modo naturale.
      Un abbraccio, finalmente ci conosciamo presto di persona al workshop di Bassano!! 🙂
      Shanti

      Rispondi
    • Chiara
      Chiara dice:

      Buongiorno Isabel! Ti ringrazio per le tue parole, hai inteso perfettamente ciò che intendevo riguardo al praticare in orari diversi. Oggi molte persone non hanno più orari fissi e sarebbe bello dar loro questa possibilità.
      Riguardo poi a quel che dici sulla tensione nella posizione e la citazione che riporti, sono completamente d’accordo con te! Un abbraccio e buon percorso nello yoga!

      Rispondi
  2. Eleonora
    Eleonora dice:

    Anch’io stranamente ho cominciato all’inverso facevo meditazione, praticavo Reiki, odiavo il movimento e continuo ad odiare il movimento… Lo yoga per me è un’altra cosa anche se il mio corpo è diventato più flessibile… Ho la mia età e il medico si è stupito guardando una lastra che la colonna non presentasse problemi, gli ho risposto: faccio yoga e la sua replica: ah allora… ecco perché!
    Ho faticato molto a fare esercizi di riabilitazione per il mio ginocchio anzi il menisco operato eppure praticavo yoga e lo insegnavo già ma è tutto un’altra cosa
    . Bellissima l’intervista!! ciao ci vediamo presto! Un abbraccio a Chiara e a Shanti promotrice di tutta questa fantastica unione in Passione Yoga!

    Rispondi
  3. Eliana
    Eliana dice:

    Finalmente riesco anche io a commentare questa bella intervista. Lo yoga è veramente qualcosa che cambia la vita, e la dimostrazione è che viene voglia di condividere, di praticare anche insieme. Si crea una magnifica energia che tu, Chiara, riuscirai sicuramente a trasmettere. Shanti già lo fa, dal vivo e persino dallo schermo di un computer!

    Rispondi
  4. Maurizio
    Maurizio dice:

    È solo 1settimana che pratico yoga e ne sento già i benefici.
    Pensavo fosse impossibile dopo solo 3 lezioni e invece mi sta cambiando la vita.
    È possibile cambiare stile di vita anche a 48 anni ve lo garantisco!!!!!!

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Complimenti Maurizio e grazie di cuore per la tua preziosa testimonianza, una bella ispirazione a cominciare e a proseguire nella pratica!
      Continua così … a presto nei prossimi video! ?
      Shanti

      Rispondi
  5. Giuliana
    Giuliana dice:

    Salve a tutti, ho visto subito l’intervista, ma soltanto adesso trovo qualche minuto per commentare; perché ho apprezzato tanto la riflessione di Shanti a proposito della sensazione di “chiusura” che Chiara ha visto provocata dallo yoga e da cui è pian piano uscita. E’ una cosa che ho provato (e in realtà sto provando) anch’io (ma io pratico appena da un anno e mezzo) e mi sono ritrovata nella spiegazione di Shanti, basata sul “bisogno di raccoglimento”.
    Quindi grazie Shanti e grazie Chiara per i numerosi spunti di riflessione!
    Con l’occasione volevo chiedere una cosa: c’è una sequenza o un tipo di meditazione o dei mantra che possano tornare utili per liberarsi dall’eccessiva tendenza al controllo? Nonostante una pratica assidua, mi rendo conto di non riuscire a lasciarmi andare, e di conseguenza a lasciare andare. Persino durante la meditazione al corso di yoga, mi rendo conto di restare sempre “all’erta” ascoltando le meditazioni solo col cervello, mantenendo una eccessiva razionalità che mi fa fruire solo di una parte dei benefici di questa preziosa pratica.
    Grazie!
    Namastè.

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Cara Giuliana, è bello come rispecchiandoci nelle storie degli altri possiamo avere chiarimenti ed aiuto riguardo al nostro personale percorso; è questa la bellezza della condivisione ❤️
      Troppo controllo fa perdere il controllo … sii paziente e perseverante nella pratica, se fai questo è certo che arriverà un momento in cui la mente si arrenderà (per sfinimento). 😉
      Credo che questo può fare per te, guarda il video di presentazione: http://www.passioneyoga.it/pmo
      A presto! Namastè
      Shanti

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *