VAMPATE DI CALORE? RISOLVILE CON 2 ESERCIZI YOGA

Facili da utilizzare, questi 2 esercizi yoga di respirazione ti offrono immediato sollievo dalle vampate di calore e rivitalizzano il corpo e la mente.

Le vampate di calore sono il disturbo più conosciuto e temuto in menopausa ma si possono manifestare anche prima a causa delle oscillazioni ormonali.

Se soffri di questo fastidioso disturbo ho una buona notizia per te.

Molto tempo fa, gli yogi dell’Hilmalaya, scoprirono una pratica di pranayama (esercizi yoga di respirazione) che può lenire questo disturbo immediatamente.

Questi antichi saggi osservavano ed imitavano la natura che li circondava nel tentativo di imparare da essa per dominare il corpo, il respiro e la mente. Osservando il becco di un uccello, una foglia appena spuntata e il sibilo di un cobra; emularono quelle forme e quei suoni in una pratica chiamata Sitali (il respiro di raffreddamento).

In questo pranayama, l’aria nell’inalazione viene inumidita mentre passa attraverso il ricciolo formato dalla lingua, ed è come sei bevessimo aria satura d’acqua. 

Sitali raffredda anche il corpo, aggiunge l’umidità al sistema e riduce l’elemento fuoco, che quando è in eccesso procura le vampate di calore.

Ora ti mostro come eseguirla:

Siediti in una posizione comoda la colonna, collo e testa allineati.

Chiudi gli occhi e apri la bocca a formare le labbra in un “O.”

Sporgi la lingua, arricciala e inspira come se dovessi succhiare da una cannuccia.

Focalizza la tua attenzione sulla sensazione di freschezza nell’addome e sull’espansione della gabbia toracica.

Ritira la lingua e chiudi la bocca, espirando completamente attraverso le narici.

Eseguila inizialmente per 2 o 3 minuti, e poi aumenta gradualmente fino a 10 minuti.

Se hai qualche difficolta’ ad arricciare la lingua, prova Sitkari

Siediti comodamente con gli occhi chiusi.

Stringi delicatamente i denti, separa le labbra il più possibile, in modo

che i denti siano esposti all’aria.

Inspira lentamente e concentrati sul suono sibilante del respiro.

Chiudi la bocca ed espira lentamente attraverso il naso.

Ripeti fino a 20 volte.

Secondo l’Hatha Yoga Pradipika, un antico testo dello Yoga oltre ad essere estremamente rinfrescante Sitali e Sitkari, riequilibrano il sistema endocrino, abbassano la pressione sanguigna e sono molto rivitalizzanti.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Rina ed il Team di Passione Yoga

Rina Vecellio, Insegnante Yoga Leggi la mia biografia

35 commenti
  1. Caterina Brunelli
    Caterina Brunelli dice:

    Grazie Rina per questo tuo video. Avevo proprio bisogno di aiuto visto che le vampate di calore mi stanno debilitando!⚘

    Rispondi
  2. Julia
    Julia dice:

    Sapevo che funzioni per la pressione, l”
    avevo provato e mi ha aiutato a togliere la pillola. Ora so che si ppuo usare per le vampate; personalmente non ho questi problemi ma consigliero alle mie amiche. Grazie

    Rispondi
  3. Lina
    Lina dice:

    Grazie. ..provero’subito!!! Le vampate mi stanno “ammazzando!!! Non dormo più bene..vi farò sapere presto! Namaste

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Ciao Chiara pratica questa respirazione in un angolo tranquillo della casa e non all’aperto perche’ in questa stagione fredda respirare con la bocca non fa bene in quanto il naso deve preliminarmente riscaldare e condizionare l’aria. Inizia con 3 minuti e poi aumenta gradualmente fino a 10 minuti, oppure 20 ripetizioni (inspirando ed espirando) la mattina appena sveglia e la sera prima di addormentarti. Puoi anche praticare al bisogno quando ti arrivano le vampate. Oltre che un effetto rinfrescante e’ anche disintossicante. Fammi sapere come va. ❤️ Rina

      Rispondi
  4. Gianna
    Gianna dice:

    Buongiorno Rina ,grazie per questo articolo,io insegno Pilates ho purtroppo molti problemi di salute oltrche ho dovuto chiudere il mio negozio e sto vivendo anche la menopausa che non mi dà requie,vedo di praticare ciò che ho visto nel video.Ti premetto che ho anche molto freddo sempre e le vampate mi disturbano molto di notte ,nn ti dico la libido etc.
    Volevo sapere se x favore posso diventare insegnante in corsi brevi e a ptezzo modico però vicino alla mia zona Gallarate (Varese).
    Volevo anche sapere se sai qualche tecnica per alleviare i problemi intestinali,io ho una malattia rara intestinale cronica che curo con alimentazione corretta etc ma pochi risultati e i disturbi che crea sono notevoli.
    Grazie per risposta ,se riesci a rispondere in pvt su fb dono Mary Jane Jane.
    Un caro saluto

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Cara Gianna, anche una delle mie allieve è insegnante di pilates e viene volentieri alle mie lezioni settimanali e mi ha portato anche molte delle sue allieve. Lo yoga senza dubbio é un altra cosa è agisce anche a livello energetico e/o spirituale. Io pratico tutti i santi giorni e per yoga intendo non solo asana (posizioni) ma anche la meditazione che é parte inseparabile dello yoga.

      Sto lavorando per creare un programma online specifico per la menopausa, per essere avvisata appena sarà pronto iscriviti qui: http://www.passioneyoga.it/yoga-menopausa/ nel frattempo ti invito ad iscriverti allo yoga club, lo spazio mensile che Shanti dedica per rispondere alle domande anche mantenendo l’ anonimato http://www.passioneyoga.it/natale2016pyc.

      Alimentazione corretta cosa significa? Ti consiglio il libro che Shanti e sua madre hanno scritto sicuramente i contenuti preziosi frutto di una vita di esperienza ti potranno aiutare con il tuo problema intestinale: http://www.passioneyoga.it/libro.

      I corsi “brevi” per diventare insegnante non ne conosco, insegnanti di yoga non si diventa con un corso ma con anni di pratica e di dedizione.
      A presto cara. 🙂 Rina

      Rispondi
  5. Zia lella
    Zia lella dice:

    Farò immediatamente questi esercizi, che spero mi aiutino almeno ad attenuare queste sgradevoli sensazioni…grazie..Namaste

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *