LA STORIA DI RINA DEL TEAM DI PASSIONE YOGA

Yoga e vita tra le montagne delle Dolomiti e il mare della Thailandia

Shanti: Un caro saluto a tutti gli amici di Passione Yoga e un saluto speciale a Rina che oltre che ad essere un insegnante certificata Yoga su Misura è anche parte del Team di Passione Yoga… molti la conoscete già ma non ancora così bene come sarà alla fine di questa intervista…. Raccontaci un pò Rina la tua storia con lo yoga.

Rina: Ho iniziato a fare le posizioni  yoga asana  molto presto. Per me e’ importante fare questa distinzione perché una casa sono le posizioni yoga,  in sanscrito asana, e un’altra lo yoga come filosofia,  stile di vita e meditazione.

Mi sentivo attratta da questa disciplina senza neanche io sapere il perchè.  Allora negli anni 70 lo Yoga non era popolare come lo è ora e l’interesse verso questa discipline orientali ti faceva sembrare un po’ strana.

Come tutte le adolescenti  non avevo un buon rapporto con il mio corpo e  molti complessi, avevo un malessere interiore che si ripercuoteva ovviamente anche a livello fisico con  sintomi e disturbi di varia natura.

Vedevo le persone invecchiare e  questo non mi piaceva, non capivo  che senso avesse nascere, invecchiare per poi morire.  Non  mi piaceva la vita così com’è.

Non mi spaventava tanto la mia morte quanto  quella delle persone a me care  per la sofferenza che questa mancanza  mi avrebbe arrecato.

Cercavo in un certo senso il senso della mia vita.

Pensavo che valesse la pena vivere fino a che si era giovani e vedevo quelli di 30 anni ormai vecchi.

Non avrei mai pensato che la mia vita si trasformasse proprio attorno ai 30 anni grazie all’incontro “casuale” con la meditazione e ho capito davvero il significato della parola Yoga e cosa intendono  maestri quando dicono  che il contatto con il tuo Sé interiore ti cambia la vita, il corpo, la mente e lo spirito.

E’ proprio attingendo a quello spazio di quiete interiore dentro di noi che cambiamo il mondo fuori.

Il mondo là fuori non è altro che lo specchio di quello dentro di noi.

Da adolescente volevo cambiare il mondo ma come dice il maestro “Cambia te stesso e il mondo cambierà’”  oppure “cambia il modo di vedere le cose e le cose cambieranno”.

Con il tempo la meditazione ti cambia, ti trasforma, ho sviluppato soprattutto il cuore e quel senso di compassione per tutti gli esseri viventi,  per gli animali non cibandomi più di loro, facendo questo la mia salute che era sempre molto precaria  ne ha beneficiato tantissimo e ora non mi ammalo più neanche un raffreddore.

Ma  il senso di compassione poi si e’ esteso  non solo verso  coloro che soffrono ma soprattutto verso coloro che non la pensano come me,  non   cerco più di imporre la mia visione  della vita ma capisco che ognuno agisce, parla e si comporta dal proprio livello di coscienza e di consapevolezza, quindi l’astensione dal giudizio ti apre ad un mondo di pace e tranquillità ed è bellissimo.

Quando sei centrata, stabile  tutto quello che avviene attorno lo accetti come qualcosa che serve alla tua evoluzione  con la certezza che c’e’ un motivo, una ragione che al momento non puoi comprendere ma che più avanti ringrazierai perchè senza quell’esperienza, senza quella prova non saresti quella che sei ora.

Io dico sempre a me stessa e agli altri  che e’ troppo facile essere “yogici” quando tutto va bene. E’ proprio quando le avversità e gli eventi della vita ti colpiscono che la pratica ti serve.

Shanti: A questo proposito, in quali momenti della tua vita lo yoga è stato determinante?

Man mano che gli anni passavano contrariamente a quello che avevo pensato da adolescente,  invecchiando  la  mia vita e anche il mio corpo miglioravano.  

Grazie alla meditazione che e’ una parte inseparabile dello Yoga e grazie anche ai vari maestri incontrati lungo il percorso ho iniziato a stare meglio sia fisicamente che psicologicamente e ora non mi ammalo mai neanche un raffreddore.

Lo yoga comunque è’ stato determinante soprattutto con l’arrivo della menopausa.  La menopausa è una fase molto delicata.  E’ il momento in cui ti ritrovi con il genitori anziani che hanno bisogno di te. La menopausa ha coinciso con la perdita prima di mio padre e 6 anni dopo quella di mia madre e nonostante sia stato un grande dolore e un vuoto immenso, sono grata alla vita per non averli persi  quando avevo più bisogno io di loro ma quando sono stati loro ad avere bisogno di me. Con l’aiuto di mio marito ce li siamo curati, coccolati e accompagnati fino al loro ultimo respiro come abbiamo  fatto con una mia zia  di 95 anni che  ha lasciato il corpo solo qualche mese e che abbiamo accolto in casa e ha vissuto con noi per tre anni.  

Vivere le varie fasi della vita  fino alla fine  assieme alle persone che ami e’ un grande dono  e anche un  privilegio e  vedi la bellezza anche  in quei corpi che lentamente  ma inesorabilmente  perdono la loro energia vitale.

Lo yoga è stato quindi determinante proprio quando sono entrata in menopausa. Corpo mente sono interconnessi e la pace mentale creata dallo Yoga mi ha permesso di arrivare alla menopausa senza preoccuparmi tanto.

Non  dico che i disagi non ci siano stati, ma li ho superati con delle pratiche specifiche che poi ho sviluppato nel “Programma Yoga su Misura per la Menopausa”  e uno stile di vita appropriato,  questi sintomi si sono attenuati moltissimo fino a sparire del tutto.  

L’invecchiamento è inevitabile ma come invecchiamo dipende da noi.

La salute è una conquista quotidiana e dipende dalle scelte che facciamo in ogni momento.

Io  ho sempre dato la priorità alla qualità della vita piuttosto che al denaro e alla carriera,  le scelte che ho fatto a volte sono state  scelte molto difficili molto combattute  fatte in funzione  non solo di me stessa ma anche per avere più tempo per le persone che ho amato e che non ci sono più. Quando prevale la legge dell’amore e sai mettere te stessa e i tuo ego all’ultimo piano e prevalgono le ragioni del cuore, la vita poi  ti  sostiene e ti premia in termini di salute  e anche di abbondanza   finanziaria  perchè non attiri quello che vuoi ma quello che sei.

Le mie scelte non sono mai state condizionate dall’avere di più  ma dall’essere  più presente a me stessa e alle persone che amo e   ora  che le persone che ho amato di piu’ non ci sono più e che sono  tra virgolette libera,  la famiglia si è allargata, c’e’  il team di Passione Yoga  e la straordinaria comunità di Passione Yoga, ci sono i miei allievi e  posso estendere questo amore a tutti i miei allievi che mi  seguono nei corsi e che sentono questa mia passione, questo mio amore  che cerco di trasmettere.

Le persone anziane in Oriente,  dove vivo con mio marito parte dell’anno  e dove mi sono formata anche come insegnante di yoga prima di fare la formazione con te Shanti, vengono rispettate e riverite e  sono una ricchezza non un  peso.

Attraverso di loro vediamo noi stesse e prima o poi ci arriveremo. Come ci arriveremo dipenderà in parte da  noi e in parte dal nostro karma o destino come lo vogliamo chiamare ma le nostre scelte sono determinanti  non tanto sulla durata della nostra vita sulla quale non abbiamo nessun controllo ma sulla qualità, sul benessere, sul mantenerci giovani nel corpo e nella mente, e cosa molto importante di mantenere la nostra autonomia e indipendenza.

Avvicinarsi alla menopausa con un corpo sano fa la differenza.  La menopausa non fa altro che intensificare   gli squilibri che sono già presenti e quindi non dobbiamo aspettare di avvicinarci alla menopausa per pensare a noi stesse e a prenderci cura del nostro corpo

Shanti: Qual’è la cosa più bella che ti è accaduta come insegnante e come la tua storia di vita è stata utile per le donne che stanno affrontando cambiamenti che tu hai già attraversato?

Rina: I benefici dello yoga sia  come pratica che come stile di vita sono stati talmente straordinari sul mio corpo, sulla mia mente e sulla mia vita che ogni persona che incontravo e che  mi parlava di qualche disagio o problema, gli suggerivo  di praticare la meditazione.

Ed è per questo motivo che sono diventata insegnante. Non avrei mai pensato di insegnare le posizioni ma solo la meditazione ma poi la vita ha deciso per me e mi sono ritrovata con un buon seguito. Ho iniziato con un piccolo gruppo e ora ho 7 corsi di persone di diverse età dai 20 anni ai 70 anni.  Quello che le persone vedono in me è che si può invecchiare bene, mantenere il proprio corpo sano e flessibile che si può affrontare i cambiamenti  che io stessa ho attraversato e che sto attraversando serenamente.

Quando vedo i miei allievi e le mie allieve uscire sorridenti  e rilassati dopo la pratica  e poi  mi mandano i  messaggi dicendomi che stanno bene ma soprattutto  che sentono  il mio amore, che sono fonte di ispirazione,  che si sentono più fiduciose più alte e sicure di se,  questa è la più grande gratificazione.

Sapere che posso  contribuire al loro benessere mi riempie di gioia.

Shanti: Com’è cambiato il tuo modo di vivere e insegnare lo yoga con la menopausa?

Rina: E’ cambiata soprattutto da quando ho conosciuto te Shanti e lo Yoga su Misura.  Prima praticavo power Yoga ashtanga flow un pò di tutto.  Mi piaceva  sfidare me stessa con le posizioni più difficili di equilibrio  sulle spalle e sulla testa.   

Con la menopausa ho dovuto e voluto rivedere la mia pratica  non tanto in funzione del mio corpo che grazie a Dio non ha particolari problemi nonostante l’avanzare degli anni, ma in funzione della componente energetica, degli elementi che ci compongono e che sono gli stessi che compongono tutto ciò che ci circonda e l’Universo intero. Questi elementi cambinano  non solo in base alle stagioni ma in base al periodo della vita che stiamo attraversando.

Quindi  ho adattato la mia pratica per riequilibrare gli elementi aria   ed etere che tendono ad alterarsi in menopausa e quindi ho  rallentato e resto più a lungo nelle posizioni.  Scoprendo un piacere nel fare questo, portando l’attenzione al respiro ai  bandha alle sensazioni che affiorano che poi è la base della pratica dello Yoga. In questo modo la mente si placa e la pratica diventa una meditazione.  Durante la pratica inoltre si formano nuove connessioni neuronali, il cervello cambia come lo hanno dimostrato ricerche recenti e quindi anche l’invecchiamento cerebrale viene prevenuto. Queste nuove connessioni  diventano parte di noi e diventano nuove abitudini  quotidiane e quindi lo Yoga non finisce dopo che abbiamo rotolato il nostro tappetino ma anche dopo e i benefici  durano per ore  e anche per giorni.

Shanti: Se dovessi consigliare una sola cosa, cosa consiglieresti alle donne che si trovano a fare i conti con le trasformazioni del loro corpo?

Rina: La parola chiave e accettazione. Non è mai stato facile accettare le trasformazioni del nostro corpo  non è stato facile quando eravamo adolescenti e non e’ facile ora.  eravamo belle, lo siamo sempre stato eppure  abbiamo sempre trovato qualcosa del nostro corpo che non ci piaceva.  Una volta accettato il nostro difetto e addirittura realizzato che proprio quel difetto ci caratterizzava  e ci rendeva uniche, la nostra attenzione va su un altro aspetto del nostro corpo che  inevitabilmente cambia.  Siamo ossessionate dal  nostro aspetto, da come appariamo senza renderci conto che siamo vittime di un  mercato che ci vuole uniformare con le mode e le tendenze invece la bellezza è proprio nella nostra unicità nella nostra diversità. Tutto cambia continuamente e come dice il saggio non e’ il cambiamento ad essere doloroso ma la resistenza al cambiamento lo è.

Alle donne dico di accogliere la differenza che sono di accogliere se stesse.

I giudizi che ti facci  su te stessa, il  modo impietoso con cui  parli a  te stessa guardandoti allo specchio, sono basati su ciò che credi di dover essere, per essere all’altezza delle aspettative di qualcun altro.

Lascia andare le convinzioni, lascia andare il giudizio e scopriti riscopriti per quella che veramente sei.

Un essere meraviglioso che e’ qui  per fare la differenza, la tua differenza a sostegno del mondo.

Shanti: Qual’è il “segreto” che vorresti svelare agli amici di Passione Yoga?

Rina: Il segreto sta dentro  di noi e sta proprio nel respiro e nel nostro cuore. Con il respiro consapevole possiamo controllare le emozioni e anche la paura.

La paura e’ sempre dentro di noi la paura di perdere  quello che abbiamo, la paura di invecchiare, la paura di morire

Anche quando siamo felici abbiamo  paura,   paura che non durerà che succeda qualcosa ecc.

Il respiro consapevole,  la presenza mentale  ci porta nel momento presente ed è l’unico momento che esiste.

La nostra mente va continuamente nel passato e nel futuro il respiro ci porta nel momento presente.

La nostra paura più grande è quella che scompariremo nel  nulla quando moriremo.

Per essere davvero liberi dalle paure dobbiamo spingere lo sguardo in profondità nella dimensione ultima nel cuore,  la dimora del nostro essere, per vedere che la nostra vera natura e di non nascita e di non morte.

Dobbiamo liberarci dall’idea di essere il nostro corpo, destinato a morire

Quando capiremo di essere più dei nostri corpi fisici di non essere venuti dal niente e di non essere destinati a sparire nel nulla, saremo liberi dalla paura.

Il tempo non esiste esiste  ma è un continuo qui e ora.

 

Ti è piaciuto questa intervista? Lascia un commento e condividila con i tuoi amici!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

 

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR, insegnante certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. E’ iscritta all’Associazione YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.

8 commenti
  1. ALESSANDRA
    ALESSANDRA dice:

    Grazie per questa bella testimonianza, il solo ascoltare Rina è rasserenante! E’ vero che ogni età è bella e si può imparare ad accettarsi grazie allo yoga. Meditazione e pranayama sono di grande aiuto. E l’età non conta, uno dei miei insegnanti ha 80 anni ed è una meraviglia! Brava Rina! E grazie a Passione Yoga per aver pensato a questa fase importante nella vita di ogni donna.

    Rispondi
  2. Silvia Zamboni
    Silvia Zamboni dice:

    Grazie Rina per le tue fantastische parole di saggezza. Si intuisce immediatamente la tua passione e amore per le persone. Spero di incontrarti presto. Fa veramente tanto bene vedere che ci sono ancora persone come te e Shanti. Namasté 🙏
    Silvia

    Rispondi
  3. Livia
    Livia dice:

    Ciao,
    Grazie di Cuore di questi preziosi pensieri , che condivido pienamente.
    Da un anno circa ,anche io sto vivendo questo ” periodo” di passaggio fisiologico e devo dire che la prima cosa che mi è stata consigliata, è stata proprio l’ Accettazione …e prendere CONSAPEVOLEZZA di questo cambiamento il più serenamente possibile.
    Sono una Sportiva fin da bambina e lo Yoga l ho avvicinato da poco con grande curiosità…ho sentito proprio l’ esigenza di praticarlo per dedicarmi finalmente dei Momenti di Pace e Tranquillità.
    Grazie ancora di Esserci.
    Livia

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Cara Livia mi fa piacere che gia’ qualcuno in passato ti abbia dato dei buoni consigli su come affrontare ed attraversare questo delicata fase della nostra vita. Lo Yoga e’ un ottimo completamento allo sport e uno non esclude l’altro ma le esigenze cambiano e si ricerca sempre di piu’ quel luogo di pace e tranquillita’ che e’ sempre presente dentro di noi ma che lo Yoga ci aiuta a ricontattare. Grazie anche a te Livia per esserci. Un abbraccio di luce. Rina

      Rispondi
  4. Stella
    Stella dice:

    Grazie come sempre per l ‘amore che ci fate sentire attraverso le vostre parole, io sono in menopausa da qualche anno e solo grazie allo yoga che sono riuscita a superare alcune fasi correlate ad essa.un grande abbraccio.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *