LO STRAORDINARIO POTERE DEL MANTRA OM E 3 SEGRETI PER PRATICARLO

Dalla tradizione dello yoga una pratica per rimuovere gli ostacoli.

Secondo la tradizione, la meditazione non è solo una delle tante tecniche, ma è lo scopo principale dello yoga.

E’ tramite la meditazione che si realizza l’incontro tra il sè individuale e il sè universale, tra finito e l’infinito, tra l’effimero e l’eterno. E in questo incontro si realizza una soddisfazione interiore che trascende i limiti del corpo e della mente.

Tutte le varie tecniche e posizioni favoriscono una condizione di rilassamento e concentrazione. Questo stato di calma per molti è un punto di arrivo, per chi aspira ad un benessere permanente è invece un punto di partenza, per evolvere nelle pratiche di meditazione.

Un ottimo modo per farlo è la recitazione del mantra OM.

E’ il suono primordiale che vibra nell’universo intero, che i grandi yogi in un profondo stato di meditazione percepiscono.

Si trova riferimento di questa pratica negli antichi testi classici: nei Veda, nella Bhagavad Gita e gli Yoga Sutra di Patanjali.

Lì è scritto che la sillaba OM non è differente da Iishvara, il Sè Universale origine di tutta la conoscenza e va recitato con questa consapevolezza.

 

Ecco delle indicazioni per la pratica.

  1. Prima cosa importantissima è un’attitudine di rispetto: questo tipo di pratiche ci arrivano della notte dei tempi eseguirle ci connette con il fiume di una tradizione millenaria e con l’energia luminosa e potente di straordinari Maestri. Ed è solo praticando con costanza e con un’attitudine di rispetto e gratitudine che si può capire il senso e la straordinaria immensità di questa pratica.

 

  1. Il corpo, deve essere tuo alleato e non causa di distrazione; quindi scegli una posizione il più possibile comoda che ti permetta di mantenere la schiena allineata. Dopotutto, le varie posizioni e pratiche yoga servono a sciogliere le tensioni del corpo per rendere possibile una posizione stabile ed agevole nella meditazione.

 

  1. Sii costante, procedi con i tuoi tempi e con gioia. Fa che il tuo entusiasmo non sia una una fiamma che si esaurisce subito, ma che duri nel tempo.

 

  1. Eseguilo rendendo la O e la M equivalenti nella loro lunghezza, osservando la vibrazione della O espandersi nel petto e la M nella testa a rigenerare cuore e mente. Puoi recitarlo per 7 o 12 volte. La pratica completa è 108 volte. Usando la mala, una collana di 108 perline.

 

Falla ora insieme a me per 3 volte. Porta una mano sulla pancia e una sul petto, ascolta per qualche attimo il respiro spontaneo, sorridi, in un secondo momento rendilo lento e profondo… oomm

 

Dopo la recitazione rimani in ascolto del tuo respiro spontaneo e delle sensazioni che questa pratica ha risvegliato, con attenzione e semplicità.

 

Negli Yoga Sutra è scritto:

 

“Dovuto a questa pratica, due cose accadono: l’ottenimento della coscienza necessaria per la realizzazione del Sè e l’assenza di ostacoli nel percorso dello yoga”

 

 

Aiutami a diffondere la meravigliosa conoscenza dello yoga condividendo il video con i tuoi amici e lasciando un commento!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR, insegnante certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. E’ iscritta all’Associazione YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.
Leggi la mia biografia

57 commenti
  1. Aldo
    Aldo dice:

    grazie Shanti 🙂 una domanda, forse sciocca : la sillaba va pronunciata in inspirazione o in espirazione ? Ancora grazie per il tuo lavoro

    Rispondi
  2. Innocenza lucia Condorelli
    Innocenza lucia Condorelli dice:

    Grazie shanti per questi video,arrivano al momento giusto, perché in questo periodo non sono molto focalizzata sullo yoga. É vero, quando recito la sillaba om mi sento più concentrata, riesco a eseguire ogni cosa con piu tranquillità, ma non mollo, pian pianino , riprendo tutto, iniziando proprio dalla OM🙏🤗🤗

    Rispondi
  3. Fabiola
    Fabiola dice:

    Nelle mie sessioni yoga ho visto persone astenersi dalla pratica del mantra Om perchè, dicevano, superfluo o troppo “new age”. Nel marasma di informazioni confuse ed errate riguardo la pratica dello Yoga, c’è bisogno di persone come te per restituirgli il giusto significato. Grazie Shanti.

    Rispondi
  4. patrizia
    patrizia dice:

    Grazie carissima Shanti, bellissimo! Un solo piccolissimo appunto: la musica, quando reciti OM, mi distrae. Preferirei ci fosse la musica solo prima e dopo la breve recitazione. Grazie

    Rispondi
  5. Angelo Bruseghini
    Angelo Bruseghini dice:

    Grazie Shanti, bellissimo video, semplice, profondo ed essenziale. Io lo recito mantenendo la O e la M molto più a lungo, senza però arrivare ad avvertire sforzo e stanchezza …………

    Rispondi
  6. Gabri
    Gabri dice:

    Sei una bravissima Maestra. Perché convinta di ciò che stai insegnando. Talmente convinta che il tuo essere terreno diventa trasparente come il cristallo lasciando trasparire la tua anima pura e bella.
    In fondo tutti siamo belli e puri. Solo che tu riesci a mostrarlo. E grazie perché insegni anche a noi a farlo.
    Grazie di cuore 🙏❤

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPECIALE

SE VUOI RITROVARTI?

Ascolta la Meditazione del Cuore