Le variazioni del ritmo cardiaco influenzano il nostro cervello, ecco le scoperte dell’istituto Heartmath.

“Mi sta a cuore”, “Sono parole che mi vengono dal cuore”, “Andare al cuore del problema”. Se ci fai caso la parola cuore da sempre simboleggia il centro della persona, il suo nucleo.  Non a caso durante lo sviluppo embrionale il cuore umano inizia a battere prima che il cervello si sia formato; nella tradizione dello yoga il cuore è la sede della scintilla divina che anima il corpo. In effetti il cuore ha un piccolo e proprio cervello formato da circa 40.000 cellule nervose e il suo campo elettrico, misurato all’ ECG, è all’incirca 60 volte più grande in ampiezza di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma (EEG).

L’Istituto HeartMath anni fa scoprì come lo schema delle variazioni tra battito e battito (VFC) rifletteva i cambiamenti dello stato emotivo (McCraty 1995) e che ritmi cardiaci coerenti indotti da stati emotivi positivi ed elevati, come l’amore sincero, la compassione e l’apprezzamento, potenziavano la risposta immunitaria, miglioravano l’equilibrio ormonale e nervoso e alleviavano il dolore. (Rein, Atkinson e McCraty 1995; McCraty e Atkinson 2003).

I ricercatori dell’istituto hanno visto poi come lo stress, le emozioni negative e i ritmi cardiaci disturbati, inibiscono la capacità di organizzare coerentemente i pensieri o di ragionare con lucidità.

E’ stato dimostrato che il campo elettromagnetico (CEM) del cuore, è all’incirca 5.000 volte più potente di quello prodotto dal cervello ed ha una forma toroidale con una dimensione che varia da un minimo di 2,5 ed un massimo di 3 mt., con asse verticale centrato nel cuore. (McCraty 2004)

Sembrerebbe che questo campo generato dal cuore e influenzato dalle emozioni che si provano, condizionerebbe non solo il nostro cervello ma anche le persone che ci circondano, sprigionando una vera e propria forza e volontà del cuore.

In uno stato di coerenza è il cuore che “trascina” la testa! Il chakra del cuore è in fatti il chakra mediano che fa da intermediario tra il corpo e lo spirito, che attraverso l’energia dell’amore, determina la nostra salute e la nostra forza.

Per trasformare le emozioni negative devi imparare quindi ad ascoltare i segnali che provengono dal tuo cuore, fare ciò che ti piace e che genera emozioni positive, capaci di accrescere la sincronizzazione fra i ritmi elettrici del cervello e quelli del cuore.

Sarai così in grado, rispetto a un problema, di acquisire prospettive nuove e intelligenti, una visione più lucida e prendere decisioni migliori.

“Dimora nel cuore e dimentica la testa, scendi nel centro del tuo Essere, poiché la testa è solo la periferia” Buddha

Se vuoi fare dello Yoga su Misura il tuo stile di vita,  fissa un appuntamento con un nostro consulente !

foto-francesco-bio
Francesco Giombini: Medico Chirurgo e Specialista  in Anestesia e Rianimazione e Agopuntura. Esperto di Medicina Tradizionale Cinese, amante delle medicine alternative, delle filosofie orientali. Ha una visione olistica dellíuomo, della natura e del mondo, che lo spinge a ricercare il modo di conciliare la scienza con la spiritualità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SCOPRI LO YOGA SU MISURA