I 5 SENTIERI DELLO YOGA E I LORO BENEFICI

Scopri le principali tradizioni dello yoga (che non sono gli stili!)

Seppure spesso si parla della tradizione dello yoga come se fosse una, sarebbe più corretto parlare delle tradizioni dello Yoga.

Nel mare magnum della cultura indiana, si sono infatti sviluppate diverse scuole e metodi sotto il nome di yoga, alcune delle quali anche molto diverse tra di loro.

Ma come i fiumi, seppure attraverso percorsi diversi arrivano tutti al mare, i tanti sentieri dello yoga hanno la stessa meta. 

In particolare si possono distinguere 5 principali sentieri dello yoga, ed è importante non confonderli con i vari stili che sono tutt’altra cosa.

Jnana Yoga – Yoga della conoscenza 

Bhakti Yoga – Yoga della devozione

Kriya Yoga – lo Yoga delle tecniche – che include l’Hatha Yoga 

Karma Yoga – Yoga del servizio

Raja Yoga – Yoga integrale, che è una combinazione dei quattro precedenti


1. Lo Yoga della conoscenza, Jnana Yoga

In questo particolare sentiero c’è la ricerca della conoscenza, intesa come discriminazione tra illusione e realtà, effimero ed eterno, partendo dall’indagine della propria essenza spirituale, la cui dimenticanza è la radice di ogni sofferenza. La pratica, molto in sintesi, consiste nel porsi la domanda “chi sono io?” Senza cercare una risposta razionale, ma indagando nell’intimo del proprio cuore, fino ad avere l’esperienza diretta del Se.

2. Lo Yoga della devozione, Bhakti Yoga

Questo è il sentiero dell’unione d’amore con il divino, come realtà ultima, all’esterno e all’interno di ogni cosa. La pratica include la preghiera, la recitazione di mantra, la lettura di testi sacri e l’affidarsi totalmente, nella fiducia che l’insondabile mistero della vita è un mistero d’amore, che solo può placare l’insaziabile bisogno del cuore umano.

3. Lo Yoga del servizio, Karma Yoga.

La pratica consiste nel dedicarsi al servizio degli altri ed anche alle attività quotidiane con totale dedizione, come se si stesse compiendo un offerta, un rito e senza attaccamento ai risultati ed ai riconoscimenti che si possono ottenere. Questo aiuta ad allentare i nodi dell’egoismo e realizzare il proprio dharma, il motivo per cui ci siamo incarnati e a trovare il proprio posto nella danza cosmica, al servizio del tutto. 

4. Kriya Yoga, lo Yoga delle tecniche

Comprende vari metodi e tecniche che coinvolgono il corpo, il respiro e la mente ed include anche l’Hatha Yoga. C’è la tendenza ad identificarlo con lo yoga fisico e la pratica delle asana, ma è molto più di questo; dato che queste tecniche sono solo preparatorie agli stati più profondi di meditazione che hanno lo scopo di realizzare l’unione con l’Assoluto. 

5. Raja Yoga – Yoga integrale, che è una combinazione dei quattro sentieri precedenti.

Ognuno di questi sentieri meriterebbero un lungo approfondimento; ma avere un quadro d’insieme apre la mente a considerare la complessità, l’ampiezza e la varietà di ciò che c’è dietro la semplice parola: yoga.

E qualunque sia il sentiero che decidi di percorrere, se metti la totalità di te stesso nella tua ricerca, ti accorgerai che l’infinito bene che è il fondamento della tua esistenza, guiderà i tuoi passi facendoti incontrare le persone e le circostanze più favorevoli al tuo progresso.

Perché chi sinceramente cerca, viene a sua volta cercato e trovato.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

 

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Fondatrice di Passione Yoga, insegna yoga dal 2004. E’ ideatrice del Metodo Yoga su Misura e Direttrice dell’Accademia YSM. Si è formata in diverse tradizioni sia in Italia che all’estero (1000 h certificate) ha elaborato il Metodo Yoga su Misura ispirato agli insegnamenti di Pandit Vamadeva Shastri.
Leggi la mia biografia

87 commenti
  1. Giovanna tinnirello sammito
    Giovanna tinnirello sammito dice:

    Buongiorno, carissimi tutti, ringrazio per avermi regalato una sintesi perfetta per comprendere le vie dello yoga…..
    Grazie

    Rispondi
  2. Uranio Mazzanti
    Uranio Mazzanti dice:

    Opportuna premessa a un approccio consapevole a un percorso sempre più indifferibile.
    Grazie per la profonda e convincente essenzialità positiva del tuo messaggio

    Rispondi
  3. Paola Uderzo
    Paola Uderzo dice:

    Grazie Shanti per portare chiarezza in modo così semplice all immenso mondo dello yoga. La tua modalità diretta mi ha permesso di aggiungere conoscenza ulteriore da condividere con persone come me assetate di sapere. Paola Centro Yoga Liberamente 💜

    Rispondi
  4. Mina
    Mina dice:

    Semplice e conciso, grazie per farci avvicinare alla conoscenza dello yoga nelle sue mille sfaccettature, anche se la pratica è davvero complicata, perché bisogna lasciare la mentalità “il tutto e subito ” anche se guidato dalla voglia di imparare e abbracciare quella della pazienza e della vera comprensione.
    Grazie ancora di cuore

    Rispondi
  5. ARMANDO ORFEO
    ARMANDO ORFEO dice:

    Grazie Maestra!!!
    come al solito grande capacità di comunicare…
    L’argomento richiederebbe alcune settimane di approfondimento.
    Per ora ci siamo gustati questo antipastino….
    Buona giornata
    Armando

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Non è importante quale sia il mio, importante è scoprire il proprio e seguirlo con il cuore, quello che posso dirti è che la tradizione consiglia per l’uomo moderno e per l’era che stiamo vivendo come più facilmente percorribile il sentiero del Bhakti Yoga. Grazie
      Shanti

      Rispondi
  6. Antonietta Beraldo
    Antonietta Beraldo dice:

    Grazie Shanti, un’altra piccola goccia che arricchisce la mia conoscenza dello yoga e me la fa amare sempre di più. Namastè un abbraccio

    Rispondi
  7. Giancarla
    Giancarla dice:

    È stupefacente come ogni giorno, seppur non facendo posizioni o non meditando, sia possibile percorre un sentiero che ci avvicini sempre più alla vera essenza.
    Grazie per l’approfondimento!
    🙏🏻

    Rispondi
  8. Flaminia Benedetta Polito
    Flaminia Benedetta Polito dice:

    Cara Shanti,
    sempre mi stupisce la semplicità e l’immensità dello yoga…
    Ho capito oggi che da sempre pratico il Karma yoga ( anche da bambina solo che non lo sapevo🤗… quanti ricordi… facevo perché era giusto e bello aiutare, servire, prendersi cura dell’altro pianta animale o uomo) Da qualche anno pratico dunque anche Kria e da pochi mesi ho avuto l’esigenza di accostarmi ad alcune letture da te consigliate. La devozione la sento in me ma meditare è veramente difficile!😅
    Grazie per la guida e l’aiuto💚💚💚

    Rispondi
  9. Anna Maria Paleari
    Anna Maria Paleari dice:

    Cara Shanti, le persone che si accostano alla praticayoga pensano che la buona fama di cui gode lo yoga sia dovuta solo agli esercizi e al respiro. Anche molti insegnanti, andando incontro alle aspettative dei praticanti, presentano uno yoga che io definirei “commerciale”. Forzano cioè sulle posizioni, sul pranayama, ed non parlano mai del tesoro filosofico che accompagna questo percorso. E’ un vero peccato, perchè la guarigione degli aspetti che creano infelicità in noi stessi, nei familiari e in tutti gli esseri umani, sta proprio nell’ accompagnare gli allievi, che già si sentono meglio semplicemente con asana e pranayama, a scoprire questo tesoro spirituale.
    Gli esseri umani, troppo spesso con la mente focalizzata sul materialismo, ne hanno bisogno e non lo sanno neppure. Come dici tu, questa ricerca porta l’essere umano ad una vita serena e veramente degna di essere vissuta.
    Grazie
    Anna

    Rispondi
  10. Tecla
    Tecla dice:

    Grazie mille per questo approfondimento. Orma ci sono centri yoga da tutte le parti ma pochi che spiegano i diversi stili. È sempre un piacere seguirti….🙏🙏🙏🙏

    Rispondi
  11. Gaetana
    Gaetana dice:

    Grazie Shanti del video 5 sentieri dello yoga.
    È veramente una chicca nel discriminare i più importanti stili dello yoga. Io all’inizio della pratica yoga, iniziata più di quarantanni fa, non mi sono fatta molte domande. Ho iniziato seguendo il modello degli otto passi di Patanjali: Yama, Niyama, asana, Pranayama, Pratyhara(poco)Dhara (poco). Patanjali che stile è? Questo cammino non mi è stato difficile perché in quanto cattolica e praticante sentivo che i primi passi io li attuavo nella legge Divina Ama Dio e il prossimo. Questa è stata la mia direzione con tutte le mie potenzialità e fragilità, nella vita privata che nelle professioni. Lo yoga mi ha sorretto per tutti questi anni regalandomi forza energia rafforzando la mia integrità dandomi chiarezza nell’agire. Gli errori li ho valutati positivi poiché portatrici di conoscenza e quindi di revisione della direzione che dovevo prendere. Poi sei arrivata tu e la idea dello yoga per me è mutata o meglio il cammino è cambiato. Ho seguito le tue lezioni e il corso di meditazione online, segni che ho valutato come una continuità, di ciò che avevo intrapreso tempo fa. Ora dimmi tu che stile sto attuando? Carissima al di là dello stile io sento che la mia coscienza si è dilatata e per me sei preziosa perché sento che la mia direzione non è mutata, ma sono andata più in profondità. Ho più tempo per praticare in quanto sono in pensione, ma il mio motto resta: la strada si fa facendola”. È nell’esperienza che si trovano le risposte. Il motto Sat Chit Ananda che ho appreso da te, mi richiama come risonanza Ama Dio e il prossimo. La vita resta un mistero, ma questo si rivela nel tempo e oltre.” Hic et nunc “= Ora, mi predispongo lascio venire ciò che arriva e lascio andare ciò che va, ciò mi fa sentire leggera e in armonia con ciò che mi circonda. Grazie per la presenza preziosa e il tuo sostegno.

    Rispondi
  12. GORINI SILVANA
    GORINI SILVANA dice:

    Finalmente !!!! un poco di chiarezza ….è quello che ho studiato sin dagli anni 70…..brava cara ,anche per tutto il resto . un abbraccio di cuore

    Rispondi
  13. Loredana
    Loredana dice:

    Cara Shanti
    le tue spiegazioni e gli approfondimenti che offri aiutano la comprensione di concetti non facili, soprattutto con il nostro modo di vivere inconsapevolmente l’esistenza.
    Un abbraccio. Loredana

    Rispondi
  14. Deborah Sgueglia
    Deborah Sgueglia dice:

    Grazie infinite per la costante dedizione, per l’amore che vi muove in ogni spiegazione, per l’autenticità di ogni riferimento…Namastè

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.