ARCHI DORSALI: BENEFICI, ALLINEAMENTO E CORREZIONI

Per migliorare la postura ed energizzare corpo e mente.

Gli archi dorsali fanno parte di uno dei principali gruppi di posizioni yoga.

Hanno un’azione molto riequilibrante a livello postulare perché compensano la posizione che abbiamo spesso durante il giorno, con il busto reclinato in avanti, atteggiamento che porta tensione a spalle e collo e comprime gli organi interni.

Quindi il loro scopo a livello fisico è aprire la struttura anteriore (spalle, plesso solare e cosce) e fortificae la struttura posteriore.

Hanno un azione attivante ed energizzante, che invita all’azione e all’estroversione.

Dal punto di vista energetico, aspetto cardine dello Yoga su Misura, incrementano l’elemento aria e fuoco che hanno una qualità di leggerezza e calore. Sono posizioni che vanno quindi molto bene in primavera o in generale in caso di un eccesso di acqua ed terra, che si manifesta come pesantezza, pigrizia ad accumulo di tossine.

Mentre è sconsigliata la loro pratica, specialmente delle varianti più intense, se già gli elementi aria e fuoco sono in eccesso. (cosa che facilmente accade in estate)

La posizione madre, di tutti gli archi dorsali è bujangasana, il cobra; una volta chiarito il corretto allineamento di questa posizione, gli stessi principi si possono applicare agli altri archi dorsali.

La particolarità di questa posizione e di posizioni simili come la locusta, è che più di tutte le altre tonifica i muscoli erettori della colonna, le altre posizioni invece, anche se più spettacolari, come urdvadanurasana posizione intensa dell’arco o ustrasana, cammello, urdvamuka svanasana il cane a testa in su; elasticizzato molto la colonna, ma non la rafforzano.

Richiedono inoltre molta flessibilità a livello delle spalle e delle anche, ma se ci sono delle limitazioni in queste articolazioni (cosa molto frequente) si creano tensione al collo e alla zona lombare, cosa molto rischiosa, in particolar modo in caso di discoprite.

Guarda il video per vedere alcuni esempi di posizioni base e l’allineamento adeguato.

Ricorda che fare un’asana è un pò come scalare una montagna, devi avere l’energia per salire, ma anche l’energia sufficiente per scendere. Se nel mantenerla ti sforzi troppo consumando tutta la tua energia, tenderai a scogliera infetta ed il più delle volte, rischiando anche di farti male.

Ci sarebbe naturalmente molto di più da dire a riguardo gli archi dorsali, ma spero che tu possa avere trovato utili queste indicazioni. Questo e molto altro viene approfondito nell’Accademia Yoga su Misura, per sapere di più contattaci ora.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Shanti Brancolini ed il Team di Passsione Yoga

foto-shanty-bio

Shanti Brancolini, Insegnante Yoga, Fondatrice e Direttrice di Passione Yoga, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Diplomata presso la scuola quadriennale per insegnanti SIYR, insegnante certificata 200 RYT dalla Yoga Alliance; dal 2004 insegna yoga. E’ iscritta all’Associazione YANI, Yoga Associazione Nazionale Insegnanti.
Leggi la mia biografia

64 commenti
  1. Lori
    Lori dice:

    Questo esercizio può essere fatto anche da chi ha uno schiacciamento vertebrale?
    Grazie per tutto ciò che ci doni!
    Lori

    Rispondi
  2. Federica
    Federica dice:

    Grazie! Come sempre..utile! La posizione del cobra mi piace molto. Per quanti respiri va mantenuta perchè sia efficace? Ciao.

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Ciao Federica! Non c’è un tempo uguale per tutti… devi trovare il tuo. Nel senso che, come la corda di uno strumento, se troppo tesa si spezza e troppo poco tesa non suona, così devi trovare quel punto che ti impegna ma senza diventare sforzo o fatica eccessiva. 🙂
      Buona pratica!
      Shanti

      Rispondi
  3. Gaetana
    Gaetana dice:

    Grazie Shanti del video. Mi è utile perché nel Cobra non davo importanza ai piedi, la preparazione al Cobra la trovo ottima. È appropriato nel cobra o negli altri asana ad arco compensare con un asana opposta; esempio Cobra -Cammello, Cane-foglia…? Quale respirazione si può associare agli asana ad arco? Grazie per la tua generosità. A me piace uno yoga integrato: asana, pranayama, mantra con una prevalenza alla meditazione perché se c’è coerenza fra Spirito e mente si è davvero in uno stato di grazia. L’equilibrio l’armonia va costruita ogni giorno poiché la realtà è mutevole e occorre tener conto molti fattori ciò che si scompensa e perché? Spesso la causa va ricercata in una evoluzione continua. Un abbraccio con Affetto Gaetana.

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Cara Gaetana grazie per il tuo commento. La tua è una buona domanda, che meriterebbe di essere approfondita adeguatamente… e sinceramente in poche righe è davvero difficile. In linea di massima sì è utile compensare, ma dato che più o meno stiamo tutto curvi, la posizione del cobra è già una “compensazione” della postura che teniamo tutto il giorno, quindi non ha bisogno di altro. 🙂
      La costruzione delle sequenze e quindi il modo di abbinare le posizioni tra di loro, è un argomento inerente alla formazione per diventare insegnanti; per questo per chi non è insegnante è bene attenersi a sequenze già esistenti.
      Un affettuoso abbraccio!
      Shanti

      Rispondi
  4. patrizia
    patrizia dice:

    Cara Shanti, commento i tuoi video solo dopo averli provati e, avendo provato la posizione passiva con i mattoncini, l’ho trovata davvero bellissima, molto rilassante; anche il cobra col mattoncino tra i piedi fa una gran differenza.Con gratitudine, namasté

    Rispondi
  5. Giancarla
    Giancarla dice:

    Grazie Shanti dei tuoi preziosi consigli. Il valore aggiunto nei tuoi video sono le spiegazioni e le avvertenza da rispettare soprattutto per chi ha problemi alla colonna. La posizione del cobra passivo, forse non “potente” come la classica, la trovo estremamente distensiva.
    Grazie ancora di cuore!

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Grazie per la tua condivisione Giancarla! Son contenta di sapere che trovi utili le spiegazioni.. sì la posizione del cobra passivo è molto distensiva. Un caro saluto!
      Shanti

      Rispondi
  6. Lorenza
    Lorenza dice:

    Grazie di 💗. Vi ho trovato per “caso”, ma il caso non esiste, con la proposta della settimana detox, e mi é piaciuto molto questo video. Namasté

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *