AYURVEDA: MIGLIORA LA TUA DIGESTIONE

Una preparazione facile per digerire meglio

In questo video una ricetta semplice e veloce che serve a favorire una buona digestione, attivando e sostenendo quello che in ayurveda viene chiamato “Agni” o “fuoco” della digestione, essenziale per il benessere di tutto il corpo.

In Ayurveda viene spesso sottolineata  l’importanza di un buon funzionamento di tutti quegli organi il cui insieme forma e presiede, alcune delle funzioni più fondamentali del corpo: la digestione, la trasformazione e l’eliminazione delle scorie, del cibo ingerito. 

Affinché tutte queste funzioni possano avvenire correttamente è necessario che la temperatura interna del sistema digerente sia sui 38° gradi: il “fuoco” a cui si riferisce l’Ayurveda; un fuoco formato dai liquidi acidi, dalla bile e dal calore che essi producono.

Quando questo “fuoco” si indebolisce e la temperatura interna ideale scende –  per ragioni fra le più svariate: tempo freddo e umido; cattiva alimentazione; in estati molto calde; per l’abitudine di bere o mangiare molti cibi freddi o crudi; stress psico-fisico –  tutte le funzioni che dipendono da esso ne risultano compromesse.

Oltre che a intervenire sulle cause che hanno prodotto un fuoco debole e inefficiente, un

buon aiuto è costituito da alcuni rimedi ayurvedici, di cui fa parte anche quello che ti mostro in questo video:

Ecco la ricetta.

Ingredienti per 5/6  persone

Zenzero fresco grattugiato 2 cucchiai colmi  (sapore pungente – elementi fuoco e aria)

succo di limone 2 cucchiai colmi ( sapore acido – elementi  fuoco e terra )

miele 2 cucchiai rasi ( sapore dolce – elementi terra-acqua)

due pizzichi di sale “nero” oppure sale marino integrale ( sapore salato – elementi fuoco e acqua)

Mescola tutti gli ingredienti con una forchetta fino ad ottenere un composto omogeneo. 

Da prendere prima dei pasti, un cucchiaio a persona.

Gli ingredienti di questa ricetta, ad eccezione del miele, sono associati all’elemento “fuoco” e questo va a riattivare e sostenere “agni” all’interno del corpo.

Il miele – che contiene anch’esso una piccola parte dell’elemento “fuoco” poiché è prodotto dal nettare maturato al calore del sole – dal sapore dolce e associato agli elementi “terra e acqua” contribuisce a rendere questa ricetta ben bilanciata.

Il sale “nero” si trova nei negozi etnici, ed ha molte proprietà di cui parleremo in un prossimo video.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Il Team di Passione Yoga

 

Mariella Fonte. Autore del libro “Cucina Yoga” e membro del Team di Passione Yoga
Leggi la mia biografia

53 commenti
  1. Marina
    Marina dice:

    Interessante già uso moltissimo lo zenzero in tisana che preparo al mattino ma l idea di creare questa miscela sarà sicuramente di grande aiuto e da provare. Namaste

    Rispondi
  2. Pamela
    Pamela dice:

    Buongiorno Mariella, buongiorno a tutti! Questo preparato ayurvedico dovrebbe andare bene quindi per tutti i tipi di dosha,giusto? perché io, per esempio, ho un una costituzione tendenzialmente vata-pitta! Grazie mille per i vostri video😊
    Namastè 🌺
    Pamela

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Per i tipi decisamente pitta, lo sconsiglierei. Per vata-pitta, solo al pasto principale, a meno che tu non sia abituata a mangiare di più a cena che a pranzo. Abitudine questa che comunque non fa bene a nessuno. L’ideale sarebbe prepare giornalmente quello che consumiamo. Solo apparentemente il frigo conserva le cose come appena fatte. Se non puoi, meglio prepararne una quantità che consumi al massimo in 3-4 giorni

      Rispondi
  3. L B
    L B dice:

    Grazie. Una domanda: in quale quantità è consigliabile preparare questo composto? Dovendone assumere un cucchiaio prima dei pasti, consideriamo 3 cucchiai al giorno, quindi quanto prepararne e come conservarlo?
    Grazie per le delucidazioni.

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      L’ideale sarebbe preparare giornalmente quello che consumiamo. Solo apparentemente il frigo conserva le cose come appena fatte. Se non puoi, meglio prepararne una quantità che consumi al massimo in 3-4 giorni

      Rispondi
  4. Angela
    Angela dice:

    … Oppure in gravidanza, dove la digestione si fa davvero molto lenta, accompagnata da nausee 😄 grazie Mariella, questo tuo video mi cade a fagiolo! Proverò!
    Namastè 🙏

    Rispondi
  5. Michela
    Michela dice:

    Grazie Mariella, ho acquistato il tuo libro appena l’hai pubblicato però ti confesso che adoro i video dove vedo direttamente come eseguire le ricette. Volevo sapere se posso sostituire il miele con la melata di bosco che avevo acquistato da un apicoltore. Avrei una domanda sempre riferendomi al tuo libro, nella preparazione del ghee, non avendo mai utilizzato il burro, come ingrediente il burro di panna da te indicato e uguale al burro di crema di latte. Grazie

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Finché c’è l’hai usala, ma credo che un miele dal gusto neutro è più indicato per questa ricetta, per quanto riguarda la domanda sul burro, “crema di latte’ e -” panna” sono la stessa cosa.

      Mariella

      Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Per chi soffre di infiammazioni lo sconsiglierei. Prova solo al pasto principale, a meno che tu non sia abituata a mangiare di più a cena che a pranzo. Abitudine questa che comunque non fa bene a nessuno.

      Mariella

      Rispondi
  6. ilaria
    ilaria dice:

    Ciao Mariella. Stasera avevo tutti gli ingredienti a portata di mano quindi l’ho preparata subito. Oltre a fare bene come dici a me è piaciuto anche il sapore…grazie! Mi chiedevo se avesse altre proprietà questa miscela. Oltre alla digestione immagino sia consigliata per tosse raffreddore sistema immunitario o mi sbaglio?
    Grazie Buona serata a tutti/e

    Rispondi
  7. patrizia di meglio
    patrizia di meglio dice:

    Grazie Mariella. Ho comprato il tuo libro, ma anche a me, come ad altri, piacciono molto i tuoi video: spero che decidiate di farne un ciclo! Soffro di cattiva digestione con talvolta nausea, ma anche di caldane: questa preparazione può fare al caso mio o stimola troppo il fuoco? Inoltre ho talvolta mangiato lo zenzero candito, e mi ha irritato molto l’intestino: può succere anche con quello fresco? Grazie mille

    Rispondi
  8. Anna Maria Paleari
    Anna Maria Paleari dice:

    Lo zenzero è la mia passione !!! con una punta di miele diventa sublime!! anche col limone lo avevo già consumato!! Non lo avevo mai sperimentato con un pizzico di sale nero o marino!!
    Grazie per questi ottimi consigli ! Namaste…

    Rispondi
  9. Mary
    Mary dice:

    Eccezionale la sua ricetta Mariella,!!! Io ho una digestione abbastanza bene, posso farne uso ugualmente. Grazie 🙏🙏❤️

    Rispondi
  10. Claudia
    Claudia dice:

    Va bene per chi ha una costituzione Vata? Nei periodi primavera ed autunno spesso contratto virus intestinali. Questo preparato può aiutare a prevenire e si può prendere durante il conteggio?
    Grazie mille!

    Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      Sì, certo, è adatta alle costituzioni vata, che soffrono di eccesso dell’elemento aria, che viene riequilibrato dai sapori pungente, salato e dolce; sapori tutti presenti nella ricetta. Per quanto riguarda i disturbi intestinali, anche per quelli non dovrebbero esserci controindicazioni. In Ayurveda lo zenzero viene usato per prevenire diarrea, crampi, nausea ed infezioni; sempre meglio comunque consultare il medico. Non so cos’è “il conteggio” di cui parli, quindi non posso rispondere.

      Rispondi
    • Passione Yoga
      Passione Yoga dice:

      No, dal momento che è il risultato di uno squilibrio dell’elemento fuoco, dovuto a sua volta ad un eccesso di cibi quali: yogurt (ma il lassi potresti prenderlo) pomodoro, agrumi, aglio, cibi molto speziati e/o fritti. Come dico nel video, la ricetta contiene tre ingredienti su quattro che stimolano l’elemento fuoco, quindi non è adatta a chi soffre di reflusso.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.