GLI ELEMENTI NELLE 3 FASI DELLA DIGESTIONE + ESERCIZI

Conoscere e migliorare la digestione

La digestione è una funzione estremamente importante, che se debole determina l’accumulo di tossine e malattie di varia natura. Ecco come migliorarla conoscendo in che modo ogni fase è connessa con gli elementi e le pratiche abbinate ad ognuna di esse.

Nel grande come nel piccolo, si può osservare come l’equilibrio degli elementi, terra acqua, fuoco, aria ed etere, variano ciclicamente e governo in modo ritmico funzioni diverse.

Questo accade infatti, non solo nella ciclicità del macrocosmo tramite il ritmo stagionale e giornaliero, ma anche nel microcosmo corpo e nelle sue funzioni fisiologiche, come appunto anche la digestione, che possiamo suddividere in tre fasi distinte abbinate a pratiche specifiche.

Generalmente parlando una buona postura ed una buona respirazione, (sempre e solo dal naso!!) sono tra le prime e più importanti cose che bisogna fare per favorire la digestione, ma ad ognuna delle tre fasi possiamo associare indicazioni e pratiche. 

  1. La prima fase della digestione avviene in bocca, ed è associata agli elementi acqua e terra, la cosa più importante per far funzionare bene questa prima fase, è masticare accuratamente e a lungo. In oriente si dice che si dovrebbe “masticare acqua e bere cibo” nel senso di tenere in bocca anche i liquidi prima di ingoiarli, e masticare così tanto il cibo da renderlo liquido.
  2. La seconda fase della digestione è governata dall’elemento fuoco, con una sorta di processo alchemico, il fuoco chimico dei succhi gastrici trasforma il cibo, separando le scorie dai nutrienti. E subito dopo un pasto, c’è solo una posizioni yoga raccomandate ed è suptavirasana, la posizione del guerriero sdraiato, molto utile per favorire la digestione in questa seconda fase.
  3. La terza ed ultima fase della digestione è governata dagli elementi aria ed etere, un loro equilibrato funzionamento permette un transito intestinale regolare e senza gonfiori. Ia posizione associata è malasana, ed il momento migliore della giornata è quello prima del sorgere del sole che è collegato agli elementi aria ed etere ed il più favorevole per la rimozione delle scorie con l’evaquazione.

Tutto questo è di estrema importanza perchè non è quello che mangiamo che ci nutre, ma solo quello che digeriamo, e quando digeriamo bene il cibo, digeriamo bene anche le emozioni lasciando andare quello che non serve e trattenendo quello che ci nutre..

Se vuoi fare dello Yoga su Misura il tuo stile di vita,  fissa un appuntamento con un nostro consulente !

Shanti Brancolini

Insegnante Yoga, Fondatrice di Passione Yoga e ideatrice del metodo Yoga su Misura, fin da bambina ha avuto modo di avvicinarsi allo yoga e trascorrere lunghi periodi di ricerca e pratica in India. Leggi la mia biografia

117 commenti
« Commenti più vecchi
  1. Gilberto Alibrandi
    Gilberto Alibrandi dice:

    Shanti volevo chiederti se invece del supta
    Virasana che non è molto su misura per me a livello di flessibilità posso usare il vajrasana.Si lo so che a questo nome corrispondono più asana ma io intendo dire la folgore o posizione adamantina quell’ asana in cui il bacinoringrazio sinantituarisposta è continua così che vai forte.!!

    Rispondi
« Commenti più vecchi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SCOPRI LO YOGA SU MISURA